L’Orto Botanico di Parma

Orto Botanico

L’Orto Botanico di Parma

Prima di tutto c’era il Giardino dei Semplici, voluto da Ranuccio I Farnese e collegato alla Facoltà di Medicina.

Lo utilizzavano principalmente per coltivare le erbe medicinali, infatti il nome “semplici” indicava i medicamenti ricavati dalle piante.

Invece l’Orto Botanico come lo vediamo ora è nato nel 1770 per merito dell’abate Giambattista Guatteri, professore di botanica sostenuto da Ferdinando I° di Borbone.

Si incontra passeggiando lungo il centro storico della città e occupa 11mila metri quadri proprio come quando è stato inaugurato.

Se la parte centrale rispetta ancora le caratteristiche del giardino all’italiana, la geometria, nel tempo, è un po’ mutata.

L’arboreto occupa la parte ad est e nasce tra il XVIII° e il XIX° secolo, mentre a ovest il giardino segue la moda inglese dell’epoca.

Negli ultimi anni, il Giardino Botanico appare particolarmente curato e gli esperti si stanno occupando delle varie collezioni di piante presenti.

Gli erbari antichi

Conserva degli erbari preziosi e degli strumenti di lavoro che appartenevano a Giambattista Guatteri, Giorgio Jan e Giovanni Passerini.

Qui si custodisce anche un antico erbario sulle piante medicinali del medico botanico G.B. Casapini, del 1722, quello ottocentesco appartenuto alla contessa Albertina Sanvitale con annotazioni autografe.

E, inoltre, l’erbario di Luigi Gardoni (1836-1878) comprende 274 pacchi che contengono specie locali e particolarmente esotiche.

Splendido, nel giardino, lo spazio delle piante officinali. E interessante è anche quello delle insettivore e delle succulente.

Una collezione è particolarmente cara ai parmigiani, si tratta della specie spontanea del genere viola in cui è compresa anche la famosissima violetta di Parma.

Oggi è il personale del Dipartimento di Bioscienze dell’Università di Parma a gestire l’Orto Botanico, che svolge varie funzioni come la ricerca scientifica, la didattica e l’educazione ambientale.

L’Associazione degli Amici dell’Orto Botanico fornisce molto supporto alle attività che si organizzano in questi spazi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *